L'itinerario

Halloween, quattro luoghi del mistero da visitare

Sono a Bitonto, Giovinazzo, Sannicandro di Bari e Monopoli. Ce li consiglia Mario Contino, ricercatore e scrittore nell'ambito del folklore e del paranormale

Gravina mercoledì 31 ottobre 2018
di Elena Albanese
Castello di Monopoli
Castello di Monopoli © Valentina Ninno

È un mercoledì che profuma di venerdì, quello di oggi. Lo è perché ci si avvicina al Ponte di Ognissanti, o dei morti. O di Halloween, per chi decide di festeggiarlo senza troppe remore e senza curarsi delle inevitabili polemiche. Poiché «Halloween non è propriamente una festa italiana – come dice Mario Contino, ricercatore e scrittore nell'ambito del folklore e del paranormale, non nel modo in cui oggi è concepita, ossia la notte in cui il mistero diviene tangibile e il confine tra leggenda e realtà svanisce».

Può essere quindi l’occasione per visitare, «nella notte in cui l'impossibile diviene possibile», quattro luoghi affascinanti e altrettanto misteriosi, in cui provare piccoli - o grandi - brividi.

«Se vi trovate in zona Bitonto - consiglia Contino -, potreste passare, con rispetto mi raccomando, nei pressi nel cimitero comunale, magari sbirciando all'interno dal cancello. Ma non commettete infrazioni, poiché l'ingresso è vietato al di fuori dell'orario di visita – ammonisce -. Una leggenda narra che al suo interno ombre furtive facciano di tanto in tanto la loro comparsa, e alcuni testimoni, raccontando il fatto non senza un minimo di terrore, hanno alimentato quella che oggi è una leggenda popolare abbastanza nota e che qualche anno fa mi ha condotto a effettuare un sopralluogo notturno all'interno del campo santo. Io fotografai realmente una sagoma nera, dall'aspetto umanoide e abbastanza inquietante. Forse potreste essere fortunati e intravederla anche voi.

Restando in tema, una bella leggenda ci giunge da Giovinazzo». È “La processione spettrale”. «Anche questa si verificherebbe – spiega Contino -, senza una precisa cadenza, nei pressi del cimitero comunale. Gli anziani ancora ricordano bene della terribile processione delle anime in pena che, di tanto in tanto, avrebbe luogo assumendo le sembianze di un vero e proprio corteo di fantasmi intenti a sfilare nei pressi del luogo che dovrebbe rappresentare l'eterno riposo. Se decidete di appostarvi all'esterno, in attesa dell'affascinante evento, ricordate una cosa: la leggenda consiglia di non rivolgere mai la parola a queste anime, potrebbero invitarvi a seguirle e le conseguenze sarebbero terrificanti».

Il folklore ci indica i castelli come dimore preferite di spiriti e demoni di ogni sorta. «Bene, restando in zona vi consiglio di visitare il castello di Sannicandro di Bari dove, secondo una leggenda nota e diffusa in tutta Italia, uno spettro apparirebbe in modo spettacolare, tra pianti e urla strazianti, anche nelle immediate vicinanze del luogo. La sua particolarità sarebbe l'assenza dei bulbi oculari, che risulterebbero due cavità vuote e terrificanti. Anche per questo viene definito "la dama senza occhi". Personalmente, ebbi l'onore di svolgere un’indagine notturna nel maniero e non mancarono sorprese», stuzzica Contino.

«L'ultimo luogo che vi segnalo è il Castello di Carlo V a Monopoli, luogo in cui nottetempo si manifesterebbe il fantasma della "dama col tamburo". Si tratta di uno spirito ritenuto buono, che suonerebbe lo strumento per segnalare la via del ritorno al suo grande amore, morto in mare durante una tempesta. La donna non si sarebbe mai rassegnata alla perdita, al punto che dopo secoli e secoli è ancora lì, in cerca del suo grande amore. Anche in questo maniero ho svolto, anni addietro, delle indagini notturne, e anche in questo luogo posso garantire che il mistero e la leggenda sembrano più reali di quanto ci si aspetti».

E allora, se ne avete il coraggio, buon Halloween a tutti!

Lascia il tuo commento
commenti