Le reazioni della politica

Chiusura piazze e strade alle 21, Decaro (Anci): «Non ammissibile scaricare tutto sui Sindaci»

​Il Presidente nazionale Anci, nonché sindaco di Bari e della Città Metropolitana, commenta la disposizione del Dpcm del 18 ottobre e richiama alla collaborazione tra Istituzioni

Politica
Gravina lunedì 19 ottobre 2020
di La Redazione
Antonio Decaro
Antonio Decaro © Gianni Spina

«Il Governo, senza nemmeno affrontare il tema nelle numerose riunioni di queste ore, inserisce in un Dpcm (del 18 ottobre 2020, ndr) una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei Sindaci la responsabilità del coprifuoco agli occhi dell'opinione pubblica. Questo non lo accettiamo».

Così il presidente Anci nonché sindaco di Bari e della Città Metropolitana di Bari, Antonio Decaro, commentando la disposizione per cui i Sindaci potranno decidere la chiusura, alle 21, delle piazze o strade dove è possibile che si creino assembramenti, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

«Ci saranno le Forze dell'ordine a controllare le aree pubbliche in cui sarà vietato l'ingresso e a riconoscere residenti e avventori dei locali?

I cittadini non si sposteranno da una piazza ad un'altra?

Nei momenti difficili le Istituzioni si assumono le responsabilità, non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare.

I Sindaci sono abituati ad assumersi responsabilità. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso».

Lascia il tuo commento
commenti