Da Palazzo di Città

Gravina è “Città che legge” per il biennio 2020-2021

Il riconoscimento conferito dal Centro per il libro e dall’Anci

Cultura
Gravina mercoledì 08 luglio 2020
di La Redazione
Presentazione del libro
Presentazione del libro "Giornalismi e società" di Francesco Giorgino - Gravina in Puglia, 31-08-2018 (Nella foto, da sx i giornalisti Michele Laddaga e Francesco Giorgino) © Gravinalive.it

Gravina è “Città che legge” per il biennio 2020-2021. L’importante riconoscimento è stato conferito alla città del grano e del vino dall’Istituto autonomo del Mibac, il Centro per il Libro, e dall’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci) per l’impegno dimostrato nel supportare eventi ed attività legate alla lettura, organizzate di concerto con gli istituti scolastici e con le associazioni locali.

“Tale risultato – commenta il sindaco Alesio Valente – giunge a corollario di tutte le iniziative che abbiamo promosso e patrocinato nel corso degli anni, per sensibilizzare la cittadinanza tutta all’importanza della lettura. Un attestato
importante, che suggella l'impegno su questo versante dell'intero mondo scolastico ed educativo gravinese e che funge da ulteriore stimolo per proseguire in questa direzione, ancor più in vista dell’apertura nei prossimi mesi, della nostra biblioteca pubblica nella quale troveranno spazio rassegne culturali di ogni tipo e per ogni età”.

Il Comune di Gravina in Puglia ha difatti sottoscritto, in partnership con istituti scolastici, Enti e Fondazioni, il “Patto per la lettura” uno strumento con il quale si impegna formalmente nel proseguire lungo la direttrice dello sviluppo di politiche volte alla promozione della lettura.

Lascia il tuo commento
commenti