il fatto

Tentato omicidio, furti e rapine: in manette 3 cittadini albanesi

Operazione condotta dal Commissariato di P.S. di Gravina in Puglia unitamente ai colleghi della Squadra Mobile di Trieste e ai poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Bari

Cronaca
Gravina giovedì 18 aprile 2019
di La Redazione
Una volante della Polizia
Una volante della Polizia © n. c.

Ieri mattina ad Altamura (BA), la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere ed ai domiciliari nei confronti di tre cittadini albanesi, resisi responsabili, in concorso, dei reati di tentato omicidio, rapina e furto aggravato, fatti avvenuti in provincia di Trieste nel mese di gennaio 2019.

Il provvedimento, emesso dalla Sezione del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trieste, su richiesta della Procura di Trieste, segue alle indagini avviate dai poliziotti della Squadra Mobile di Trieste a seguito della rapina perpetrata in un’abitazione a Villa Opicina (Trieste) lo scorso 11 gennaio.
In quella occasione i tre autori, SHYTI Kristo, 26 anni, HALLULLI Klajdi, 28 anni, e MYRTO Mariglen, 31 anni, entrati in una villetta per commettere un furto, vennero sorpresi da un vicino e messi in fuga dopo una colluttazione durante la quale riuscirono a sottrarre all’uomo una pistola legalmente detenuta, causandogli fratture e traumi alla mano sinistra, alle spalle, alla testa ed all’addome con prognosi superiore a 40 giorni.

Durante l’esecuzione del provvedimento cautelare i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Bari, unitamente ai colleghi della Squadra Mobile di Trieste e del Commissariato di P.S. di Gravina in Puglia, hanno sequestrato nell’abitazione dei tre numerosi oggetti di valore, riconducibili alle rapine perpetrate nelle regioni del nord est.
Presso l’abitazione di HALULLI Klajdi, inoltre, è stato rinvenuto e sequestrato oltre 1 Kg di marijuana; per tale motivo l’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione illecita di sostanza stupefacente.

Lascia il tuo commento
commenti