I beneficiari saranno i Comuni della Provincia esclusi Molfetta e Giovinazzo

Vaccini antinfluenzali, da lunedì parte la distribuzione della seconda tranche

Duecentosessantamila le dosi consegnate, pari al totale dei vaccini distribuiti nel corso dell’intero anno precedente

Attualità
Gravina venerdì 13 novembre 2020
di La Redazione
Vaccini antinfluenzali, da lunedì parte la distribuzione della seconda tranche
Vaccini antinfluenzali, da lunedì parte la distribuzione della seconda tranche © n.c.

La distribuzione dei vaccini a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta prosegue nei tempi e con regolarità, in linea con l’andamento della influenza, il cui picco è previsto dopo Natale. Da lunedì 16 novembre la consegna della seconda tranche di dosi vaccinali sarà estesa a tutti i comuni della provincia, esclusi Molfetta e Giovinazzo dove la distribuzione delle due prime tranche è stata già ultimata.

Il 6 e il 10 novembre – come da cronoprogramma - è stata consegnata dalle ditte produttrici la seconda tranche di vaccini, ossia altre 50mila dosi di Vaxigrip e 20mila di Fluad. La distribuzione del resto del quantitativo ordinato dalla ASL proseguirà per tutto il mese di novembre in linea con i tempi e la capacità produttiva delle aziende farmaceutiche che stanno rispondendo alla adesione massiccia della popolazione alla campagna vaccinale che quest’anno ha superato il 50%.

Nel dettaglio sono state consegnate finora 190mila dosi a cui si aggiungono le ultime 70mila, per un totale di 260mila vaccini, un numero pari alla intera campagna vaccinale dello scorso anno. La distribuzione mira a ad una soddisfazione adeguata delle richieste.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco Nacucchi ha scritto il 13 novembre 2020 alle 23:24 :

    notizia importantissima, visto che a Gravina in molti studi medici, manca il vaccino antinfluenzale, siamo a metà novembre, quando era stato assicurato dal Presidente della Regione Puglia, che dal 1 ottobre ,sarebbe stato disponibile il vaccino per tutti, Rispondi a Franco Nacucchi