L'evento

La Diocesi si prepara ad accogliere un nuovo presbitero e due novelli diaconi

All'ordinazione sacerdotale di Giovedì di don Paolo Dantile seguiranno, i prossimi 8 e 10 Agosto, quelle degli accoliti Domingo e Michele

Attualità
Gravina mercoledì 05 agosto 2020
di Michele Laddaga
Crocifisso
Crocifisso © n.c.

La Diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti, attraverso il ministero di Mons. Giovanni Ricchiuti, si prepara ad accogliere in dono nei prossimi giorni un nuovo presbitero e due novelli diaconi. Don Paolo, Domingo e Michele, grati al Signore per l’opera misericordiosa del suo amore, si dicono infatti pronti a consacrarsi al servizio di Dio e a seguire con passione e fede le orme di Gesù. A vivere la loro vita all’insegna dei principi cristiani.

Il primo dei tre appuntamenti da segnare in agenda è in programma Giovedì 6 Agosto 2020, giorno di festa della Trasfigurazione del Signore, alle 19.30 presso il Santuario Maria SS. del Buoncammino di Altamura. Lì sarà ordinato presbitero il diacono Don Paolo Vito Dantile. Per l’occasione sarà possibile seguire la celebrazione in diretta tv su Canale2 (ch. 114 o 71).

Alla stessa ora, Sabato 8 Agosto presso la parrocchia S. Erasmo di Santeramo in Colle, saranno le telecamere di TRC (ch. 94), Santeramo.it e il canale Youtube RadioTv a raccontare in diretta l’ordinazione a diacono del seminarista Domenico (detto Domingo) Ariano. Anche la vigilia di preghiera vocazionale sarà trasmessa dalla Chiesa Madre di Santeramo sugli stessi canali a partire dalle 20.00.

Il prossimo Lunedì 10 Agosto invece, nel giorno di festa dedicato a San Lorenzo martire, sarà il seminarista Michele Azzolino a seguire lo stesso percorso del suo compagno di viaggio Domingo e ad essere ordinato diacono presso il santuario Maria SS. del Bosco di Spinazzola. L’intera celebrazione verrà trasmessa (start: ore 19.30) in diretta streaming sulla pagina Facebook “Diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti”.

“A motivo delle limitazioni attualmente ancora in vigore e imposte a causa della pandemia da Covid19 – spiega in una nota il moderatore di Curia, don Vincenzo Panaro – la partecipazione alle suddette celebrazioni sarà contingentata, secondo la disponibilità degli spazi, al fine di garantire la massima sicurezza ed il rispetto delle norme”.

Lascia il tuo commento
commenti