La novità

Il Parco Nazionale dell’Alta Murgia avrà le sue prime venti guide ufficiali

Il percorso formativo che è stato avviato circa un anno fa i cui partecipanti sono stati scelti con una selezione pubblica

Attualità
Gravina giovedì 13 febbraio 2020
di Michele Lorusso
Parco dell'Alta Murgia
Parco dell'Alta Murgia © n.c.

Il Parco dell’Alta Murgia avrà le sue guide ufficiali. Infatti, si è da poco concluso il percorso formativo che è stato avviato circa un anno fa i cui partecipanti sono stati scelti con una selezione pubblica.

Il corso di abilitazione per il rilascio del titolo ufficiale ed esclusivo di “Guida del Parco Nazionale dell'Alta Murgia” è stato organizzato dall’Ente Parco in collaborazione con l’aggiudicataria A.T.S. costituita dagli organismi D.Anthea onlus (capofila) e Laetitia Scs, secondo contenuti e modalità fissati dal progetto definito dall’intesa tra l’Ente Parco e la Regione Puglia, Assessorato alla Formazione professionale. L’iniziativa si colloca nell’ambito dello sviluppo e della valorizzazione delle attività economiche e dell’occupazione locale, promossi dall’Ente Parco ai sensi dell’articolo 14, comma 5, della Legge Quadro sulle aree protette no 394/91.

Tante le tematiche affrontate dai corsisti: tecniche di comunicazione e gestione gruppi, inglese, diritto ambientale, interpretazione naturalistica, primo soccorso, organizzazione attività escursionistiche/turistiche, fauna, botanica, architettura rurale, archeologia cartografia e gps, aree protette, attività del parco e tante altre.

Con la realizzazione di questa figura professionale, finalmente, il Parco potrà contare su personale qualificato che servirà a implementare le opportunità di lavoro e sviluppo dell’intera comunità aderente all’ente.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mimmo ha scritto il 13 febbraio 2020 alle 17:30 :

    Certe volte questo Ente parco mi stupisce... Fa proclami di eventi e di situazioni accadute facendole passare come grandi cose fatte, come grandi prodezze amministrative... Tutte FESSERIE. E i cinghiali che distruggono raccolti, piante e piantagioni ne vogliamo parlare? Dello spreco di denaro pubblico che c'è dietro gli indennizzi o per le attrezzature che dovrebbero servire giocando ad acchiapparne qualcuno che ci dite? Dei soldi spesi per Le feste del parco tipo il FESTIVAL DELLA RUBALITA' ehm scusate RURALITA' che cosa ci dite? Gli E-VENTI del Parco e dei soldi che vengono dati agli amici degli amici tipo Murgia Valley per citarne qualcuno, perché non ne parlate? Delle persone che lavorano nel parco e degli autisti che scorrazzano per le vie del paese e che perdono le giornate che dite? Rispondi a Mimmo