​L’organismo si insedierà ufficialmente ad aprile e si riunirà con cadenza bimestrale

Scuola, un Osservatorio metropolitano vigilerà sulle condizioni delle scuole

​«Attraverso questo organismo costruiremo una mappa condivisa degli interventi prioritari di manutenzione» commenta il consigliere delegato della Città metropolitana, Vito Lacoppola

Attualità
Gravina martedì 12 marzo 2019
di La Redazione
Banchi di scuola
Banchi di scuola © n.c.

Un Osservatorio metropolitano permanente sull’edilizia scolastica per monitorare costantemente la condizione degli edifici scolastici di competenza dell’Ente e costruire una mappa degli interventi prioritari di manutenzione. Questi, in sintesi, alcuni dei compiti del nuovo organismo istituito dalla Città metropolitana, su iniziativa del consigliere delegato alla “Programmazione della rete scolastica del territorio metropolitano, Edilizia scolastica e Patrimonio”, Vito Lacoppola.

L’Osservatorio sarà composto da due rappresentanti della consulta provinciale degli studenti (uno per la sola città Bari e uno per area metropolitana) e associazioni studentesche riconosciute a livello nazionale, tra cui l'Uds (Unione degli studenti), oltre che dal consigliere delegato e tecnici della Città metropolitana. L’Osservatorio metropolitano si insedierà ufficialmente ad aprile e si riunirà con cadenza bimestrale; predisporrà anche una mappatura dello stato degli edifici scolastici che sarà aggiornata mensilmente e, in base alla situazione rilevata, saranno poi stanziati finanziamenti mirati.

«L’associazione studentesca che ha dato impulso a questa iniziativa, ci aveva chiesto una maggiore partecipazione degli studenti alla programmazione economica per l’edilizia scolastica in modo da ascoltare la voce dei diretti interessati. Abbiamo accolto questa richiesta e istituito un organismo permanente» afferma il consigliere Lacoppola.

«Grazie all’intervento del presidente dell’Anci nazionale, Antonio Decaro, quest’anno il bilancio delle Città metropolitane potrà prevedere maggiori risorse per l’edilizia scolastica, grazie ad una riduzione dei tagli previsti dal Governo, e dare risposte alle esigenze di manutenzione ordinaria di diversi edifici del territorio. Attraverso l’osservatorio costruiremo una mappa degli interventi prioritari di manutenzione in sinergia con l’azione programmatica della Regione Puglia che ha predisposto un piano triennale dell’edilizia scolastica nel quale abbiamo candidato quasi tutti gli istituti per la messa a norma sotto il profilo antincendio e antisismico».

Lascia il tuo commento
commenti