Il resoconto

Scuola e solidarietà: grande successo di pubblico per l'evento "Dono perchè ci credo!"

Moltissimi studenti e cittadini hanno preso parte all'incontro curato da Admo Gravina, svoltosi ieri pomeriggio nell'aula magna del liceo scientifico di Gravina "Giuseppe Tarantino"

Attualità
Gravina sabato 23 febbraio 2019
di La Redazione
Evento
Evento "Dono perchè ci credo!" © Carlo Centonze

Una grande risposta di pubblico. Un modo speciale per rimarcare ancora una volta l'importanza della donazione.

É quanto accaduto nel pomeriggio di ieri, venerdì 22 febbraio 2019, presso il liceo "Giuseppe Tarantino" di Gravina in Puglia. In una aula magna gremita di studenti e cittadini interessati a tematiche legate alla tipizzazione del sangue, alla donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche, ha avuto luogo l'evento "Dono perchè ci credo!", curato da Admo Gravina. Il primo appuntamento della rassegna "Dialoghi di Scienze", promossa dall'istituto scolastico gravinese.

A coordinare la serata ci ha pensato Domenico Nacucchi, giovanissimo ragazzo che nel 2015 è riuscito a sconfiggere la leucemia grazie al trapianto di midollo osseo. Il suo intervento ha catalizzato più di tutti l'attenzione dei presenti. Una storia a lieto fine quella di Domenico, una lunga battaglia vinta grazie a suo fratello Michele ed alla straordinaria forza di volontà di sua madre Isa e suo padre Fedele che ha poi deciso di fondare a Gravina una sezione locale di Admo (Associazione donatori Midollo Osseo).

Lo stesso Fedele Nacucchi ha poi spiegato com'è nato il suo gruppo di lavoro e illustrato le attività e le iniziative promosse dall'associazione gravinese. A toccare le corde del cuore dei numerosi presenti ci hanno pensato anche le commoventi testimonianze (in sala e da remoto) di Angelo, Giovanna, Stefano, Domenico appunto, Rosa Maria, Pino. Tutti donatori, riceventi e volontari che con i loro interventi hanno provato a far capire che basta davvero poco per salvare una vita. A prender la parola, tra gli altri, anche il dottor Antonio Vitucci, referente scientifico di Admo Gravina.

«Si sono registrate con grande soddisfazione dei volontari - spiegano entusiasti gli organizzatori dell'incontro - molte promesse di tipizzazione. Molti ragazzi non ancora maggiorenni hanno espresso il desiderio, non appena compiuto il 18° anno, di registrarsi nel Registro dei donatori. Ringraziamo per il riuscitissimo intervento il Dirigente Scolastico, i docenti presenti ed in particolar modo il professor Fiore. Uno speciale ringraziamento va anche a Carlo Centonze per i suoi artistici scatti d'amore per l'Admo!».

Lascia il tuo commento
commenti