Da Palazzo di città

Anche Gravina presente alla Marcia della solidarietà, della pace e della responsabilità

L’amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Lorusso. Ricordato l’esempio del venerabile padre Francesco Convertini

Attualità
Gravina lunedì 11 febbraio 2019
di La Redazione
L’amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Lorusso
L’amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Lorusso © Ufficio stampa Comune di Gravina

In cammino per riaffermare i valori della giustizia sociale e dell’impegno della politica per l’affermazione del bene comune.

Anche il Comune di Gravina in Puglia, rappresentato nell’occasione dall’assessore Raffaele Lorusso, ha preso parte ieri alla quattordicesima edizione della Marcia della solidarietà, della pace e della responsabilità, organizzata dalle amministrazioni comunali di Cisternino e Locorotondo, insieme alle parrocchie “San Nicola” di Cisternino e “San Giorgio Martire” di Locorotondo, all’associazione “Padre Francesco Convertini” ed all’istituto salesiano di Cisternino.

L’iniziativa, ispirata al messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale della pace, sul tema “La buona politica è al servizio della pace”, ha visto i partecipanti incamminarsi in due cortei, uno partito da Cisternino l’altro da Locorotondo per ricongiungersi poi a metà strada tra i due centri, in contrada Marinelli, nei luoghi dove si svolse il ministero di padre Francesco Convertini, sacerdote salesiano missionario, dichiarato venerabile dal Santo Padre il 20 Gennaio 2017. «Abbiamo inteso aderire alla manifestazione – spiega l’assessore Lorusso – poiché riteniamo essenziale che anche la politica e l’operato di quanti prestano il loro servizio nelle istituzioni seguano i principi richiamati da Papa Francesco nel suo messaggio, come pure la testimonianza di padre Convertini, distintosi per la capacità di dialogo e confronto, per la propensione all’ascolto ed alla solidarietà: principi tutti che non possono e non devono mancare nella quotidianità ed anche all’interno delle istituzioni, specie in tempi, come quelli presenti, in cui il mondo e le nostre comunità sono attraversate da divisioni e lacerazioni che spesso sfociano in conflitti aperti».

Nel corso della mattinata, al termine della Marcia, sono stati premiati i vincitori del concorso “Metti Amore”, finalizzato a promuovere la conoscenza dell’opera di padre Convertini e l’impegno per la pace.

Lascia il tuo commento
commenti