La missiva

Restauro monumento Arcangelo Scacchi, la proposta di un gruppo di cittadini

Mario Ardito, Giacomo D’Alonzo, Giacomo Digioia, Giovanni Dipalma, Tommaso Lobaccaro, Giuseppe Massari, Michele Paternoster hanno inoltrato nella giornata di ieri una nota al sindaco di Gravina, Alesio Valente

Attualità
Gravina venerdì 30 novembre 2018
di La Redazione
Piazza
Piazza "Arcangelo Scacchi" a Gravina © Rete Comuni italiani

"Il senso civico e dell’appartenenza alla storia della propria città, alle radici storiche che essa incarna". Questo ha spinto un gruppo di sette privati cittadini: Mario Ardito, Giacomo D’Alonzo, Giacomo Digioia, Giovanni Dipalma, Tommaso Lobaccaro, Giuseppe Massari, Michele Paternoster ad inoltrare, nella giornata di ieri, giovedì 29 novembre 2018, una informativa al sindaco della città, Alesio Valente.

L'obiettivo? Manifestare la volontà, dopo aver constatato il degrado - scrivono i sette promotori dell'iniziativa - in cui versano la lapide rievocativa della nascita, a Gravina in Puglia, dello scienziato, cristallografo e pietra miliare della cultura mineralogica Arcangelo Scacchi, avvenuta l’8 febbraio 1810, posta sul muro del palazzo prospiciente l’omonima piazza e il monumento, realizzato dallo scultore barese Gaetano Stella nel 1937, ubicato nello stesso sito toponomastico”, di provvedere, a proprie spese, ad un intervento di pulizia conservativa, non invasivo dei suddetti manufatti.

I promotori sostengono inoltre che, “portare a compimento un’opera di riqualificazione monumentale cittadina, dovrebbe essere dovere di ogni cittadino. Nel caso specifico, vuole essere un piccolo gesto,un segno di stima e gratitudine verso una delle figure più eminenti della nostra città".

Lascia il tuo commento
commenti