Planimetria catastale: cos'è e a cosa serve

Planimetria catastale: cos'è e a cosa serve

​Vendere casa non è un processo veloce e intuitivo se non si ha dimestichezza col settore immobiliare. Per la vendita di un immobile la planimetria catastale costituisce la sua carta d’identità

Attualità
Gravina sabato 21 maggio 2022
di La Redazione
Planimetria catastale: cos'è e a cosa serve
Planimetria catastale: cos'è e a cosa serve © n.c.

Vendere casa non è sempre un processo veloce e intuitivo, soprattutto se non si ha almeno un po’ di dimestichezza con il settore immobiliare. Tra i documenti indispensabili per la vendita di un immobile figura la planimetria catastale, che costituisce a tutti gli effetti “la carta d’identità di un immobile”.
Tale documento è ugualmente importante per chi intende comprare casa: di fatto offre una panoramica completa circa dimensioni, disposizione e configurazione dell’immobile. Prima di addentrarci nei motivi che sono alla base dell’utilità di una planimetria catastale, approfondiamone le caratteristiche.

La planimetria rappresenta graficamente tutti gli spazi, sia interni che esterni, che costituiscono qualsiasi tipologia di bene immobile (abitazioni, uffici, negozi, ecc). In tale rappresentazione grafica vengono indicate le varie superfici, dotate di copertura o meno (stanze, terrazzi, balconi). Talvolta viene aggiunta anche la destinazione d’uso, laddove la cucina viene contrassegnata con la lettera K (o A/K se si tratta di angolo cottura), i bagni con la lettera B e i ripostigli con la lettera R. Raramente vengono contrassegnati camere da letto e soggiorni.

Per cominciare a prendere dimestichezza con questo concetto, si può far riferimento alla guida di Dove.it che pone proprio l’accento sull’importanza della planimetria nel processo di compravendita di un immobile. Dove.it è un'agenzia immobiliare online che utilizza la tecnologia unita ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione dell’immobile e venderlo online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile.
Solo un tecnico abilitato può predisporre la planimetria catastale che, una volta ultimata, andrà depositata al catasto, a cura e spese del proprietario dell’abitazione. Il documento deve necessariamente riportare data e protocollo di presentazione al catasto con relativi estremi identificativi, ubicazione e posizione del nord dell’immobile, scala di rappresentazione e nome del tecnico redattore.

La planimetria catastale è importante anche nell’ottica di una corretta valutazione dell’immobile. Viene depositata presso il catasto in modo che possa essere consultata in primo luogo per ragioni fiscali. Tuttavia, può essere richiesta unicamente dal proprietario dell’immobile o da un delegato (che può essere anche l’agenzia immobiliare).
Va chiarito, in ultima istanza, che il rogito deve necessariamente essere affiancato dalla planimetria catastale allo scopo di validare il passaggio di proprietà dal venditore all’acquirente.

Lascia il tuo commento
commenti