​Lo studio: dal 2000 sono 200mila i laureati del sud emigrati

Studenti e laureati meridionali in fuga verso il nord, ma c’è chi prova a resistere

Il 51% degli studenti universitari pugliesi si trasferisce negli atenei da Roma in su. Le esperienze di "Led" e "La Capagrossa": coworking e modelli ibridi di lavoro

Gravina giovedì 01 marzo 2018
di Nicola Palmiotto
Laureati del meridione in fuga verso il nord
Laureati del meridione in fuga verso il nord © Nc

In fuga verso il nord. Sono 200mila i laureati del mezzogiorno che dal 2000 si sono trasferiti al centro-nord. Lo certifica uno studio pubblicato dalla “Rivista economica del Mezzogiorno” edita da Svimez, l’associazione per lo sviluppo dell’industria nel mezzogiorno. Un fenomeno che non si limita solo a chi è già laureato, ma che si estende anche a coloro i quali si trovano ancora nel percorso di studi. Infatti nel 2016 il 40 per cento degli studenti meridionali che frequentano un corso di laurea magistrale si è trasferito in una università da Roma in su.

Ai primi posti della classifica delle regioni che presentano i tassi di uscita più elevati tra gli universitari durante il loro corso di studi c’è la Puglia con il 51%. Un numero che è inferiore solo a Calabria (53%), Molise (61%) e Basilicata, che raggiunge addirittura l’83%. Il danno collaterale dal punto di vista economico non è di poco conto. Infatti lo studio stima in 30 miliardi di euro (nel periodo 2005-2015) l’investimento pubblico del meridione per formare studenti che invece andranno a rendere i propri frutti altrove. Insomma più che interrogarsi sull’immigrazione verso il nostro Paese sarebbe cosa buona e giusta mettere sotto la lente di ingrandimento il fenomeno dell’emigrazione nella nostra stessa nazione.

QUELLI CHE PROVANO A RESISTERE Eppure non tutto è perduto. Sul nostro territorio esistono presidi che hanno fatto della lotta allo spopolamento del sud una battaglia culturale, oltre che una forma di resistenza. A Giovinazzo l’associazione Led (Laboratorio Energie Democratiche) ha messo in piedi un progetto molto articolato, partito da un concorso letterario (“Arrivederci sud”) che punta, attraverso varie tappe, alla elaborazione di una proposta progettuale per il recupero di uno spazio pubblico condiviso, inteso come contenitore culturale e luogo di coworking che possa fungere da collante sociale e creare nuove opportunità lavorative. «Ci siamo posti - spiegano i membri dell’associazione - l’obiettivo di analizzare le cause dello spopolamento del meridione, in particolare dei più giovani, e provare a capire se un'opportunità di resistenza come uno spazio pubblico in cui svolgere anche attività lavorative, oltre che culturali e più in generale di aggregazione, possa essere un argine a questo fenomeno».

Un’esperienza invece già intrapresa con notevole successo da “La Capagrossa”, uno spazio sorto a Ruvo a settembre scorso che però definirlo solo di coworking è riduttivo. «Il coworking è un pretesto per fare sinergia tra le realtà del territorio e creare nuovi modi di lavorare», spiega Ivan Iosca, presidente dell’associazione. Un modello che punta a combattere lo spopolamento del sud attraverso un esperimento che potremmo definire genetico: creare modelli ibridi di lavoro: «La nostra risposta a questo fenomeno è ibridare le professioni - assicura Iosca -. Faccio un esempio: un’archeologa e una visual designer che si mettono insieme per presentare progettualità sulla conservazione dei beni culturali».

La situazione non è bella ma questi semi, capaci di germogliare su una terra così arida, aprono il cuore alla speranza.

Lascia il tuo commento
commenti