La nota

FdI scrive a Palazzo di Città: «Illegittimo assumere un professionista esterno come addetto stampa»

«Il sindaco Valente fa le cose in grade, quando si tratta di corte e cortigiani non bada a spese»

Politica
Gravina mercoledì 11 ottobre 2017
di La Redazione
Addetto Stampa
Addetto Stampa © web

A pochi giorni dalla pubblicazione sull'albo pretorio online del Comune dell'avviso pubblico per la selezione della figura ricercata, si torna a parlare del nuovo personale che verrà inserito nello staff del primo cittadino per svolgere attività di informazione e comunicazione.

Riceviamo e pubblichiamo a riguardo la nota inoltrata in redazione e sottoscritta dal circolo territoriale "Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale" di Gravina in Puglia:

"Come si sciala a spese dei gravinesi.

Il sindaco Valente fa le cose in grade, quando si tratta di corte e cortigiani non bada a spese.

La legge per gli enti locali prevede che i sindaci possono avvalersi di uno staff personale composto di persone di fiducia che si presume abbiano qualifiche e qualità che vadano oltre la fede o la fedeltà politica.

Il buon Valente appena riconfermato alla guida dell’amministrazione cittadina, come primo atto deliberò il bando per la nomina dello staff del Sindaco portando il numero dei componenti da due agli attuali tre.

Le nomine fatte a sua insindacabile discrezione videro la riconferma dell’arch. Egidio Buonamassa e della dottoressa Michela Costantiello oltre la nomina della signorina Maria Ilaria Logruosso.

Pensavamo che con l’aumento di tale unità lo staff fosse completo dato che la signorina Logruosso è anche una pubblicista e quindi perfetta per ricoprire il ruolo anche di addetto stampa che nella passata amministrazione era ricoperto dal dott. Iacobini.

Ci sbagliavamo, infatti in data 15 settembre la giunta comunale ha approvato una delibera con cui ha ritenuto di dotare l'Ente di una figura professionale addetta alle attività di informazione e comunicazione.

Capiamo che il sindaco Valente abbia bisogno di ottimi professionisti della comunicazione per continuare ad ingannare i cittadini gravinesi, specialmente quando non si ha nulla di concreto da comunicare in termini di opere e di sviluppo per la comunità, ma crediamo che sia illegittimo assumere un professionista esterno come addetto stampa se tale profilo figura già tra l’organico del personale.

Chiediamo ai dirigenti e funzionari che dovranno firmare il contratto per il nuovo addetto stampa di verificare se ciò sia possibile e se non si arrechi un danno economico alle casse comunali.

Al sindaco chiediamo di non dedicarsi solo alle consorterie e di non adagiarsi sul fatto di essere stato riconfermato ma di dedicarsi a risolvere i problemi atavici della città visto che ad oggi sono rimasti tutti irrisolti."

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette