Televisione

Al via le riprese (anche a Gravina) del film "Il mio Corpo vi Seppellirà"

Una produzione drammatica con soggetto e regia di Giovani La Parola. La lavorazione è di prossimo inizio in Puglia, tra le zone del Gargano e della Murgia. Prevista la lavorazione per otto Settimane, fino al 7 luglio

Attualità
Gravina martedì 15 maggio 2018
di La Redazione
"Il mio Corpo vi Seppellirà" © web

La nostra città si prepara a vestire ancora una volta i panni di un set cinematografico.

Hanno preso il via ieri le riprese (in programma anche a Gravina) del nuovo film drammatico, dal titolo provvisorio "Il mio Corpo vi Seppellirà" (titolo alternativo: My Body will bury You), con regia e soggetto di Giovanni La Parola.

La vicenda – secondo informazioni assunte da Apulia Cinema - risulterà ambientata in Sicilia nel 1860, durante il periodo risorgimentale e alla vigilia dell'unificazione italiana. Il lungometraggio racconta la storia di "R", una giovane donna, che viene trovata quasi morta, sotto i resti di una baracca bruciata, e la sua vendetta. Prevista la messa in scena di alcune battaglie corpo a corpo, con uso di armi da fuoco e armi bianche, con utilizzo di cavalli e cavalieri.

Regia e soggetto di Giovanni La Parola (Nella Foto). Protagonisti sono gli attori Miriam Dalmazio, Filippo Pucillo, Antonia Troppo, Margareth Madè, Rita Bella e Giovanni Calcagno. La vicenda è ambientata in Sicilia.

Prevista la lavorazione per otto Settimane, fino al 7 Luglio. Per la realizzazione del film, sono impegnate 30 unità lavorative pugliesi. Le location prescelte si trovano sul Gargano (a Monte Sant’angelo, San Giovanni Rotondo e San Marco In Lamis) e nei territori di Altamura, Gravina in Puglia, Ginosa, Fasano e Torre Guaceto.

La sceneggiatura è del regista con Alessia Lepore (che aveva curato il soggetto e la sceneggiatura di Focaccia Blues - 2009). È prodotto da Cinemaundici e Ascent Film con Rai Cinema, con il contributo di 350mila euro di Apulia Film Fund della Regione Puglia e con il sostegno di Apulia Film Commission.

Lascia il tuo commento
commenti