Lavoro

Natuzzi, accordo con i sindacati per estendere il Contratto di Solidarietà

Il Direttore Generale Operativo di Natuzzi Cavallera: «Continuiamo a credere nel Paese e abbiamo sempre lavorato per recuperare la competitività delle produzioni italiane e salvaguardare l’occupazione»

Attualità
Gravina giovedì 07 dicembre 2017
di La Redazione
Antonio Cavallera, direttore Generale Operativo di Natuzzi
Antonio Cavallera, direttore Generale Operativo di Natuzzi © primaonline.it

Natuzzi comunica che si è tenuto ieri – presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – un incontro con le Organizzazioni Sindacali e i rappresentanti delle Istituzioni nazionali e locali.

A seguito di un approfondito dialogo, svoltosi in un clima sereno e costruttivo, l’azienda si è impegnata a non proseguire nell’applicazione dell’art. 17 L. 223/91 e ha convenuto con le Organizzazioni Sindacali di estendere l’applicazione del Contratto di Solidarietà già in essere sia ai lavoratori che avevano impugnato il licenziamento, sia a coloro che avevano accettato il ricollocamento ed erano stati assunti da Newcomfort srl.

Inoltre, Natuzzi si è impegnata a presentare un Piano Industriale che possa dare continuità al percorso virtuoso intrapreso con l’Accordo del marzo 2015, che ha purtroppo subito un significativo rallentamento a seguito delle sentenze della magistratura.

Antonio Cavallera, Direttore Generale Operativo di Natuzzi ha dichiarato: «L’accordo trovato oggi con i Sindacati per l’estensione del contratto di Solidarietà è l’ulteriore dimostrazione della volontà dell’azienda di voler continuare a mantenere fede alla propria missione sociale, salvaguardando il più possibile l’occupazione sul territorio. Abbiamo sempre creduto nel Paese e continuiamo a crederci. In questi anni – prosegue Cavallera –in sinergia con i Sindacati e le Istituzioni abbiamo lavorato con l’obiettivo di recuperare la competitività delle produzioni italiane, sostenendo - dal 2001 a oggi - investimenti per circa 1 miliardo di euro».

Infine, l’azienda ha confermato che – nella definizione del Piano Industriale – si impegnerà a valutare la fattibilità della lavorazione del poliuretano come Natuzzi S.p.A. sul sito di Ginosa.

Le parti hanno convenuto sulla necessità di riportare la discussione al MISE al fine di mettere in atto tutti i dispositivi finanziari e gli strumenti a sostegno dell’occupazione previsti dalla normativa vigente e necessari a sostenere la prosecuzione del Piano.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette