Comunicato stampa - Giunta della Regione Puglia

Emergenza idrica in Puglia: Emiliano firma decreto per ridurre i consumi di acqua potabile

Ridotte sensibilmente negli ultimi 30 giorni le portate dei corpi idrici da cui dipende l’approvvigionamento idrico della Regione Puglia. Necessarie misure di contenimento del prelievo di acqua

Attualità
Gravina venerdì 14 luglio 2017
di La Redazione
Emergenza idrica nel Borgo Antico © n. c.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha firmato un decreto sull’emergenza idrica, per il risparmio idrico e la limitazione dell’utilizzo delle acque nel settore irriguo.

Visto che le portate dei corpi idrici da cui dipende l’approvvigionamento idrico della Regione Puglia si sono ridotte sensibilmente negli ultimi 30 giorni e che sono necessarie misure di contenimento del prelievo di acqua, il presidente Emiliano ha invitato la cittadinanza ad «un uso razionale e corretto dell’acqua al fine di eliminare inutili sprechi».

Con il decreto ha disposto il divieto di utilizzare acqua potabile erogata dal pubblico acquedotti per usi impropri, come l’innaffiamento di giardini e prati, il lavaggio dei cortili e piazzali e il riempimento di piscine e vasche, di coordinare le attività degli enti preposti alla definizione delle misure di contenimento della risorsa idrica, sia per uso potabile che irriguo, favorendo l’intesa con la Regione Basilicata, di incaricare Aqp di formulare un piano di previsione dell’utilizzo dell’acqua potabile utilizzando come strumento di previsione un modello che tenga conto di afflussi con rischio di deficit confrontabile con quello dei mesi precedenti e di una possibile domanda pro-capite da esplicitare.

«Occorre – spiega il presidente Emilianosapere che l’acqua è una risorsa scarsa la cui domanda va attentamente valutata. Dobbiamo sapere che le riserve vanno tutelate e che gli sprechi vanno eliminati, anche attraverso una revisione dei consumi. I pugliesi questo lo sanno storicamente, e so che ci daranno una mano cambiando qualche propria abitudine in modo da evitare crisi future».

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette